CHI SIAMO

LST Teatro è una realtà teatrale che da ormai quasi venti anni svolge attività culturali e produttive, animata da professionisti provenienti dal territorio nazionale ed estero. Sin dall’inizio della sua attività LST-Teatro si caratterizza per la creazione, organizzazione e gestione di eventi teatrali come Laboratori, Festival e Rassegne, oltre che per la continua ricerca dei contemporanei linguaggi comunicativi e moderne espressività artistiche, che si concretizzano nelle molteplici attività di produzione. Nascono da questa esigenza le collaborazioni in coproduzioni e ospitalità di compagnie nazionali e straniere come danesi, francesi, e collaborazioni a produzioni giapponesi ed africane. I principi che spingono LST-Teatro verso la ricerca sono propri dell’origine laboratoriale della compagnia; questo è il punto fondamentale del suo lavoro: l’apertura a nuove culture, a nuova conoscenza, l’impegno nel sociale e nella formazione. Nel gennaio 2018 vince il bando per la gestione triennale del nuovo Teatro Caos del comune di Chianciano Terme. Oltre che gestire e curare, sempre dal 2018, la stagione dei teatri del Comune di Montalcino, per il quale, nel settembre 2019, organizza e gestisce il FerMENTInFesta di Montalcino, prima edizione del Festival dedicato alla formazione

 

La compagnia LST-Teatro infatti dimostra sempre più la sua propensione e attenzione al teatro contemporaneo, ad una espressività artistica internazionale coinvolgente artisti di diversi paesi e culture, di diversi linguaggi. Dal 2005 collabora con la Compagnie Prometheé di Bourdeaux e dal 2012 con il CFRAV di Ouagadougou in Burkina Faso, producendo o coproducendo spettacoli, come, lo spettacolo “Storia del soldato” con attori burkinabé, in coproduzione con il CFRAV del Burkina Faso, l’Accademia Filarmonica Romana e la Società Barattelli de L’Aquila; spettacolo  rappresentato in Burkina Faso, in Italia, Germania, Lussemburgo e Svizzera.

 Senza tralasciare la sua presenza ormai stabile nel panorama teatrale nazionale con le sue produzioni, tra le quali ricordiamo gli ultimi spettacoli, "Tacabanda", “L'uomo, la bestia e la virtù", "Dov'è finito lo zio Coso", "La stazione", "Quizas, quizas, quizas", e tanti altri, tutti distribuiti nei circuiti nazionali ed internazionali

Manfredi Rutelli

Romano di nascita, ma toscano di adozione, Manfredi Rutelli è regista, drammaturgo e docente teatrale di elevata esperienza. Ha diretto attori ed attrici come Flavio Insinna, Massimo Wetrmuller, Roberto Ciufoli, Federico Perrotta, Erina Maria Lo Presti, Cristina Aubry, Paolo Bessegato e Francesco Acquaroli.

 

I suoi spettacoli, sia teatrali che di teatro musicale, sono costantemente rappresentati nei circuiti teatrali nazionali; le sue collaborazioni con artisti famosi e i suoi progetti culturali sono spesso al centro di eventi e festival di rilievo internazionale, così come la sua attività di formatore e docente teatrale lo ha portato a tenere Corsi e Laboratori in molte parti del mondo, dal Giappone all’Africa, passando per qualificate esperienze pedagogiche europee, oltre che in Italia.

 

Leggi tutto

 

Come autore firma numerosi testi teatrali; nel 1992 è vincitore del Primo Premio Drammaturgia Giovane G.Totola indetto dalla S.I.A.D. con il suo testo “Il seme della discordia.” Nel 2008 è coautore dello spettacolo “Senza Swing” prodotto dalla Ballandi Entertainment S.p.A. e interpretato da Flavio Insinna. Ultimamente ha scritto e rappresentato “La luna lo sa”, “La libertà è un colpo di tacco”, “Tacabanda”, “Il paese più sportivo del mondo”, “Quizas, quizas, quizas” e “Il secondo figlio di Dio”, portato in scena da Simone Cristicchi, per la regia di Antonio Calenda.

 

Manfredi Rutelli vanta anche una lunga esperienza nel ruolo di direttore artistico di Teatri pubblici, festival e progetti teatrali di successo. Per le sue capacità organizzative ed il suo riuscire a promuovere e far crescere la cultura del teatrale nelle comunità dove opera, è dal 2013 Direttore e Coordinatore dei teatri e delle attività teatrali del Comune di Montalcino, e ora, da gennaio 2018, Direttore Artistico del nuovo Teatro Caos di Chianciano Terme. Forte anche di un'esperienza decennale che lo ha visto Direttore Artistico del Teatro Mascagni di Chiusi, ideatore e direttore artistico del Festival “Orizzonti” della stessa Città, esperienza cominciata nel 2003 e conclusasi ad agosto 2013, dopo undici anni di successi. Prima di Chiusi, ha diretto per cinque anni il Teatro degli Oscuri di Torrita di Siena, per due anni il Teatro Comunale di Sarteano e nel 2008 il Piccolo Festival di Montecchio Emilia (RE). Dal 2008 al 2013 attraverso la creazione della rete teatrale GenerAZIONI, ha curato le stagioni invernali dei teatri di Abbadia San Salvatore, Montalcino, Piancastagnaio, San Giovanni d’Asso e Trequanda.

alessandro-waldergan

Alessandro Waldergan

Attore, Tra il ’95 e il 2000 si forma presso il Laboratorio Stabile Teatrale di Torrita di Siena, diretto da Manfredi Rutelli. Si diploma in recitazione nel 2000 presso il Conservatorio Teatrale diretto da Giovanbattista Diotajuti, a Roma.

 

Come attore partecipa a numerose produzioni teatrali con vari registi, tra cui Manfredi Rutelli, Riccardo Reim, Claretta Carotenuto, Stefano de Luca, Gigi Dall’Aglio, Franco Però, Alberto Gagniarli, Francesco Branchetti, Tiziana Sensi, Angelo Libri, Luc Cognet. Negli ultimi anni all’attività attoriale affianca anche quella di insegnamento teatrale.

 

 

gianni-poliziani

Gianni Poliziani

Nasce a Chiusi (SI) nel 1962. Inizia la sua attività teatrale negli anni 70. Negli anni '80 frequenta la scuola di teatro presso il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano tenuta dal regista Massimo Masini. È allievo di Mario Valgoi, Franco di Francescantonio e Francis Pardhelain.

 

Negli anni novanta e duemila collabora come attore e regista con il Teatro Amiata di Abbadia San Salvatore, Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano, Accademia Arrischianti di Sarteano e Fondazione Orizzonti di Chiusi ed è docente esterno di teatro presso il comprensorio scolastico di Chiusi. Tiene vari laboratori e corsi di teatro per ragazzi e adulti nel territorio toscano e umbro.

Dal 2018 è nominato Direttore Artistico della Fondazione Orizzonti d'Arte, con incarico di direzione del Teatro Comunale Pietro Mascagni e del Festival ORIZZONTI, del comune di Chiusi (Siena)

 

 

Paolo Scatena

Paolo Scatena

Paolo Scatena, nato nel 1966 a Perugia, è diplomato in Tromba presso il Conservatorio di musica “F. Morlacchi” di Perugia e in Strumentazione per banda presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino. È direttore della Banda dell’Istituto Musicale “B. Somma” di Chianciano Terme dal 1996 e vice direttore della scuola di musica dell’Istituto stesso.

 

Svolge dal 1986 attività d’insegnamento presso le scuole dell’Infanzia e Primarie e attività di formazione per insegnanti, per scuole di teatro, per gruppi di clown di corsia. Compone musiche per teatro, per cortometraggi e fiabe musicali per bambini. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni come musicista, direttore e compositore.

 

 

RIMANI AGGIORNATO

Tutte le informazioni e news su Spettacoli, Eventi, Festival